Le 7 dimensioni dell’ABA

terapia-ABA-autismo-7-dimesioni-blog-associazione-dallaluna

L’Applied Behavioral Analysis (ABA) è un’insieme di strategie scientificamente fondate per promuovere cambiamenti nel comportamento, al fine di produrre risultati significativi nella vita delle persone.

 

Ambiti di applicazione

Nel corso degli anni l’ABA è stato applicato in modo flessibile per migliorare la qualità della vita degli individui in un’ampia gamma di contesti, quali:

  • la promozione di comportamenti adattivi nelle persone con disturbi evolutivi.
  • La facilitazione dei processi di apprendimento nei contesti scolastici.
  • Il trattamento dei comportamenti criminali.
  • Il miglioramento della produttività nei contesti lavorativi.
  • Il management delle organizzazioni e il trattamento dei disturbi dell'umore.

 

Negli ultimi si è verificato un crescente aumento d’interesse verso l’applicazione delle strategie comportamentali per ampliare le abilità comunicative nelle persone con autismo e altre disabilità evolutive.

 

Le 7 caratteristiche dell’ABA

L’efficacia di un trattamento ABA è tanto maggiore quanto più aderente alle 7 dimensioni dell’ABA, così come identificate da Baer, Montrose e Risley nel 1968.

 

1. Applicazione

8-16L’ABA si concentra su comportamenti significativi dal punto di vista sociale, che consentano un’effettiva crescita dell’individuo e la progressione verso quei comportamenti adattivi tipicamente esibiti dalle persone della stessa età e gruppo sociale di riferimento.

In quest’ottica le priorità educative sono individuate sulla base di un criterio di funzionalità, in modo da promuovere l’autonomia della persona presa in carico e ridurne la dipendenza dalle figure di riferimento.

 

2. Enfasi sul comportamento osservabile

8-17L’ABA si basa su osservazioni dirette del comportamento come primario strumento di misurazione. In altri termini, le abilità promosse devono essere quantificabili in maniera obiettiva e direttamente osservabili.

 

 

3. Analisi

8-11L’ABA individua relazioni funzionali tra individuo e ambiente, stabilendo in modo oggettivo delle relazioni causali tra eventi ambientali e comportamenti osservati.

Questo processo avviene attraverso la manipolazione sistematica dell’ambiente e la rilevazione dei comportamenti esibiti al variare delle condizioni ambientali.

 

 

4. Tecnologia

8-1Le procedure d’analisi o di insegnamento vengono descritte in modo dettagliato, al fine di favorire la replica delle stesse.

 

 

 

5. Sistematicità concettuale

8-26Le procedure ABA si riferiscono direttamente ai principi del comportamentismo, escludendo le forme di intervento carenti di sistematicità o identificate dalla comunità scientifica come “di ridotta efficacia” o “di non provata efficacia”.

 

 

 

6. Efficacia

8-25La rilevazione costante del dato comportamentale si rivela strumento principale per rilevare l’efficacia degli interventi e prendere decisioni rispetto alle abilità da promuovere e alle modalità d’intervento.

 

 

 

7. Generalizzazione

8-7L’obiettivo del metodo ABA è quello di promuovere la generalizzazione delle abilità attraverso diversi ambienti, persone e comportamenti.

Pertanto sarà fondamentale la condivisione di obiettivi, strategie e materiali da parte di tutti i soggetti coinvolti nel processo educativo dello studente.

 

 

Disclaimer: questo articolo non persegue gli scopi di letteratura scientifica ma vuole essere un modo per semplificare concetti più complessi a chiunque sia interessato a conoscere il mondo dell’autismo

Potrebbero interessarti anche...

7 Risposte

  1. Daniela ha detto:

    Grazie

  2. Maria Teresa ha detto:

    Fondamentale la condivisione.

  3. orietta ha detto:

    salve,
    sono la nonna di una bambino autistico, che ha frequentato per oltre un anno il centro ABA di Roma con ragazze speciali . Ora i genitori hanno deciso di cambiare metodo ed utilizzano altre strutture. Il piccolo oggi a circa 5 anni e viene seguito soprattutto da logopedisti ,il percorso è iniziato quando aveva 3 anni ed oggi è migliorato, anche se è difficile capire quanto se tanto o poco – tenacia – pazienza – amore (questi gli elementi che ha intorno) il resto viene da operatori come Voi che ringrazio e Vi auguro ogni bene e buon lavoro!!

  4. Marco Angelo ha detto:

    Il coinvolgimento della famiglia nell’intervento e fondamentale.
    I genitori sono responsabili del mantenimento e della generalizzazione delle nuove abilità acquisite dal bambino.

  5. Marco Angelo ha detto:

    La famiglia è fondamentale.
    I genitori sono responsabili del mantenimento e della generalizzazione delle nuove abilità acquisite dal bambino.

  6. Marco Angelo ha detto:

    Scusate, considerate il primo.
    Marco Angelo

  7. Marco Angelo ha detto:

    Scusate ancora.Nel mio primo intervento non ho messo la (è).Ero stanco e influenzato.
    Scusate ancora.Non riesco a correggere.
    Marco Angelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *